Territorio di riferimento:

Comune di Trezzano sul Naviglio – quartiere zona via Pirandello e via Fermi.

 

Destinatari:

Target diretto: 133 nuclei assegnatari di alloggi ERP a canone sociale di proprietà dell’Ente, per un totale di 300 soggetti circa. Target indiretto: comitato di quartiere, scuole, realtà educative, associative, ecclesiastiche, situate nella zona di riferimento o comunque sul territorio di Trezzano S/N, cittadini di abitazioni private delle vie adiacenti.

 

Soggetti partner:

Comune di Trezzano (capofila), Cooperativa Sociale Ripari, Cooperativa Sociale Lule, Afol Metropolitana (ex Afol sud Milano/sede Corsico). I soggetti partner hanno sottoscritto un patto territoriale  con alcune realtà significative del quartiere, cui potranno aggiungersene altre in corso di realizzazione: Comitato Mezzetta, Forum Cooperazione e Tecnologia, Associazione sportiva New San Lorenzo e Parrocchia S. Lorenzo

 

Finalità e funzioni:

La finalità macro della proposta è quella di migliorare la qualità della vita degli abitanti, riducendo il disagio socio-economico presente e considerando la comunità stessa come soggetto del cambiamento. In particolare, la proposta progettuale e metodologica mira a:

  • avviare e consolidare la collaborazione tra soggetti formali e informali, all’interno di un processo di corresponsabilizzazione comunitaria che possa rimanere patrimonio del territorio
  • favorire la costituzione di reti di lavoro miste, composte da operatori, realtà associative e cittadini/utenti, valorizzando ogni sapere esperienziale presente e disponibile ad attivarsi in prima persona
  • sperimentare forme innovative di gestione delle situazioni sociali maggiormente problematiche, in integrazione con il Servizio Sociale
  • approfondire il fenomeno della morosità incolpevole negli alloggi ERP, studiando forme di presa in carico e risposta innovative, integrate agli interventi connessi all’ambito formativo e lavorativo
  • facilitare forme di partecipazione e cittadinanza attiva, implementando la possibilità di sviluppare relazioni sociali e sostenendo forme di auto organizzazione e gestione del laboratorio di quartiere

 

Tipologia di interventi:

Il progetto integrato, con durata indicativa di 2 anni, si fonda su 4 assi tematici, AZIONE DI SISTEMA: FARE COMUNITÀ/COSTRUIRE RETI – ASSE DISAGIO – ASSE CONVIVENZA E INTEGRAZIONE – ASSE FORMAZIONE E LAVORO, fortemente correlati tra loro.

Azione di sistema: facilitazione di un approccio condiviso ai problemi e al bene comune, attivando tutte le risorse presenti in quartiere e costruendo un modello integrato d’intervento che possa restare patrimonio del territorio e del Servizio Sociale.

Asse disagio: attivazione di uno spazio di ascolto e orientamento in quartiere, selezione di  soggetti per i quali attivare percorsi di inclusione attiva, presa in carico integrata e affiancamento al tutor di quartiere, implementazione utilizzo nuova metodologia sul territorio.

Asse convivenza e integrazione: attivazione forme di socializzazione e dialogo tra gli abitanti del quartiere, co-costruzione di attività ed eventi, gestione percorsi di sensibilizzazione e informazione su tematiche di interesse comune, prevenzione dei conflitti.

Asse formazione e lavoro: sperimentazione di forme innovative di presa in carico integrata per i soggetti individuati all’interno del laboratorio di quartiere, attivazione di percorsi di formazione/lavoro e di restituzione alla comunità.